Titolo italiano: Mazinga Z

Titolo originale: Mazinger Z

Produzione: Toei Animation, 1972

Trasmesso in Italia: RaiUno, dal gennaio 1980 (ep.1-56); reti locali (ep.1-56); Man-Ga, dal 16 settembre 2015 (repliche ed episodi inediti)

Numero episodi: 92

Durata episodio: 24 minuti

SIGLA: "Mazinga Z", cantata da Galaxy Group.

Mazinga Z è una serie anime composta da 92 episodi e tratta dal manga del genere mecha (I mecha o mech sono robot presenti in numerose opere di fantasia, dalla letteratura ai manga e agli anime, che si caratterizzano per le dimensioni straordinarie) realizzato da Gō Nagai. Benché Mazinga Z si collochi cronologicamente prima de Il Grande Mazinger e UFO Robot Goldrake, la serie fu trasmessa per la prima volta in Italia su Rai 1 (all'epoca Rete 1) nel gennaio 1980, quando le due successive erano già state trasmesse. In tale occasione furono trasmessi solo 51 episodi sui 92 totali; nello specifico, la serie fu trasmessa fino all'episodio 56 ma saltando gli episodi 4, 5, 14, 28 e 38. Inoltre, da ogni episodio furono tagliate diverse scene senza motivo apparente. Oltre a singoli tagli di alcuni secondi all'interno della puntata, vennero completamente eliminate le scene iniziali in cui generalmente gli antagonisti discutono o iniziano a porre in esecuzione il loro piano (tra cui tutte le apparizioni del dottor Hell a partire dall'episodio 48). Questi tagli ridussero la durata media di ogni episodio a circa 19 minuti anziché soliti 22. Nel doppiaggio italiano, realizzato dalla D.E.F.I.S. con un cast completamente diverso da quello delle altre serie, Koji Kabuto fu ribattezzato Ryo come già accaduto nel film di montaggio Mazinga contro gli UFO Robot, il dottor Hell fu chiamato Inferno e tutti i nomi dei colpi dei robot furono tradotti. Gli stessi episodi vennero replicati sempre su Rai 1 e, dalla metà degli anni ottanta, su varie televisioni locali.Solo nel 2015 la serie rimasterizzata è stata pubblicata in 23 DVD realizzati dalla Yamato Video e allegati a La Gazzetta dello Sport e Corriere della Sera, che includono audio italiano e giapponese con sottotitoli fedeli (anche per le scene precedentemente tagliate). Per l'occasione la CDR, sotto la direzione di Giorgio Bassanelli Bisbal, ha doppiato gli episodi fino ad allora inediti, con un cast totalmente nuovo e mantenendo un adattamento coerente con quello degli altri episodi. Questa edizione è stata poi trasmessa dal 16 settembre 2015 sulla rete a pagamento Man-ga, completando quindi la trasmissione televisiva della serie il 21 gennaio 2016 a 36 anni esatti da quella del primo episodio.

Alto circa 20 metri, costruito in una speciale superlega (detta Z) e dotato di armamenti nucleari, Mazinga Z riuscì a respingere tutti gli assalti dei mostri meccanici del pure geniale Hell, che alla fine si trovò costretto a chiedere aiuto allo stesso popolo dei Micenei, trasferitosi da millenni nelle viscere della terra. Il Duca Gorgon, ambasciatore del regno di Mikene, gli concesse allora alcuni suoi mostri che, pur impegnando duramente il robot terrestre, non furono in grado di eliminarlo. Nel corso di questi combattimenti venne distrutta Afrodite A, sostituita dalla più forte Dianan A.

 “Mazinga Z” (in originale “Majingā Z”) è stato il primo anime giapponese, in ordine cronologico, basato sulla storia di un grande robot pilotato a cui si ispireranno in seguito altri cartoni animati come Goldrake  e facente parte di un mondo robotico molto più ampio ideato dall’autore Go Nagai, che lo inventò insieme all’analogo manga nel 1972. La serie animata si inserisce,  in un universo narrativo del quale avrebbero fatto parte in seguito anche Goldrake (Grendizer) e il Grande Mazinga. La prima versione del manga era invece composta da 216 pagine, mentre una seconda, meglio curata e diretta a un pubblico più maturo, fu poi realizzata da Gosaku Ota.

 Mazinga Z è considerato un anime cult, nel 2001 fu eletto come l’undicesimo miglior anime di tutti i tempi. Animage (アニメージュ Animēju?) è una popolare rivista mensile giapponese dedicata agli anime, edita dalla Tokuma Shoten. Il primo numero risale al giugno 1978 ed è la più antica rivista del genere in corso di pubblicazione in Giappone. La sigla "Mazinga Z", scritta da Dino Verde, composta da Detto Mariano e cantata dai Pandemonium con lo pseudonimo "Galaxy Group". Usata come sigla di apertura e chiusura sulle immagini delle prime sigle originali, è a sua volta un parziale arrangiamento di tali sigle, con il motivo portante prelevato da "Majingā Z" e alcuni passaggi intermedi dall'introduzione di "Bokura no Majingā Z". Nel testo, curiosamente, il robot viene chiamato anche Mazinger. Durante la trasmissione della serie TV furono distribuiti nei cinema due mediometraggi anime, le cui trame presentano versioni alternative di eventi che accadono nella serie. Mazinga Z contro Devilman (1973) è un crossover con l'anime Devilman. Mazinga Z contro il Generale Nero (1974) anticipa il finale della serie in cui ci si collega al successivo Il Grande Mazinger, presentando però una trama parzialmente diversa. 

Il 26 gennaio 2017 è stata annunciata l'uscita del film anime Mazinga Z Infinity, realizzato dalla Toei in occasione del 45º anniversario della serie. Il film, che è stato distribuito in Giappone il 13 gennaio 2018, è diretto da Junji Shimizu e scritto da Takahiro Ozawa; Ichirō Mizuki è stato richiamato a cantare il tema d'apertura, mentre la colonna sonora è composta da Toshiyuki Watanabe, figlio di Michiaki. Koji Kabuto e Sayaka Yumi sono doppiati rispettivamente da Shōtarō Morikubo e Ai Kayano, e il film racconta una storia originale ambientata dieci anni dopo il finale della serie.[19] È stato proiettato in anteprima alla Festa del Cinema di Roma 2017 il 28 ottobre e distribuito nei cinema italiani tre giorni dopo dalla Lucky Red. 

 

Trama

L'anziano scienziato Juzo Kabuto costruisce un enorme robot che alla sua morte viene ereditato dal nipote Koji Kabuto[4], il cui compito è quello di sventare i piani del malvagio dottor Hell, uno scienziato tedesco che nel 1962 aveva partecipato con Kabuto e altri colleghi a una spedizione archeologica nell'isola greca di Bardos alla scoperta dei resti della civiltà micenea. Ritrovato un esercito di mostri meccanici costruiti dai Micenei (Mikenes), il dottor Hell svela le sue reali intenzioni uccidendo tutti tranne Kabuto, riuscito a fuggire, ed impossessandosi di quella tecnologia con lo scopo di far tornare sulla terra i discendenti dell'antico popolo greco, costretti per secoli a rifugiarsi nelle viscere della Terra e, insieme a essi, dominare il mondo.

Kabuto, tornato in patria, dirige il centro ricerche per l'Energia "fotoatomica" che poi lascia al professor Yumi appena scoperta una lega metallica molto resistente, la Super Lega Z (estratta dal metallo immaginario Japanium) da utilizzare per costruire il robot Mazinga Z; nell'Istituto viene creata Afrodite A, un robot meno potente dalle fattezze femminili costruito dal prof. Yumi e pilotato da Sayaka Yumi, figlia del direttore dell'istituto; successivamente si unisce a questi il Boss Robot, guidato da Boss, Nuke e Mucha, tre compagni di scuola di Koji.

Il dr. Hell affida le missioni di guerra dapprima al barone Ashura - il cui corpo è diviso in una metà maschile e una femminile - e successivamente al conte Blocken - la cui testa è collegata a un corpo meccanico - un ufficiale nazista entrato in coma dopo un incidente e risvegliato dallo scienziato nel corso dei suoi esperimenti durante la seconda guerra mondiale.

Localizzato finalmente il regno sotterraneo dei Micenei, il dr. Hell, a seguito delle ripetute sconfitte, decide di chiedere aiuto al loro ambasciatore, il granduca Gorgon, che invierà il visconte Pigman. Nel corso degli scontri viene distrutta Afrodite A, sostituita successivamente da Diana A. Nel corso degli scontri, Ashura e Pigman cadranno in battaglia, mentre Blocken e il dr. Hell periranno durante lo scontro finale; Gorgon, che non aveva preso parte all'ultima lotta, ordina - per conto del Generale Nero - un attacco in massa da parte della grande armata di mostri guerrieri micenei. Durante la battaglia Mazinga Z subisce gravissimi danni e a salvarlo dalla fine interviene un nuovo robot, il Grande Mazinga, che era stato segretamente costruito da Kenzo Kabuto, figlio di Juzo Kabuto e padre di Koji.

 

 

Titoli episodi trasmessi in Italia

1      Nascita di un robot prodigioso

2      Fermate l'esercito di Ashura

3      Operazione distruzione Mazinga

4      Mazinga Z in difficolta (inedito)

5      Il fantasma di Mazinga Z (inedito)

6      Attacco su due fronti

7       Le tattiche del barone Ashura

8      La grande statua di Abdora

9      Deimos F-3, robot scomponibile

10    Dyan dal braccio d'acciaio

11    Il grande cannone Galeno

12    Il tradimento di Vicong

13    Una gara di pupazzi di neve

14    Battaglia contro Spartan K5, il robot gigante (inedito)

15    Attacco con l'alta marea

16    Il tornado misterioso

17    L'ultimatum di Ashura

18    Glossam, il terrore dei mare

19    Il mostro volante

20    Una prova di coraggio

21    Duello nella citta fantasma

22    La fortezza subacquea Salus

23    I capricci di Yuri

24    L'attacco del robot supersonico

25    I tre fratelli Aeros

26    Ryo contro Ashura: faccia a faccia

27    La cattura di Afrodite-A

28    Il robot dall'artiglio nero (inedito)

29    Una vittoria in extremis

30    I ladri di diamanti

31    I tre mostri volanti

32    Cerberus J-3, il robot a tre teste

33    Attacco aereo

34    Battaglia nel cielo

35    Gli specchi abbaglianti di Desma A-1

36    Il mostro dei cinque laghi

37    Sabotaggio!

38    Minerva X, il robot misterioso (inedito)

39    L'ultima occasione di Ashura

40    La fortezza volante del conte Blocken

41    La vendetta del conte Blocken

42    Bombardamento a tappeto

43    Bandiera bianca

44    L'elmetto a energia solare

45    Decimo anniversario

46    Il bambino abbandonato

47    Ashura e Blocken: rivali!

48    Il robot di Boss

49    La rivolta del robot impazzito

50    La caduta del Jet-Scrander

51    Una taglia su Ryo

52    Le conseguenze di un litigio

53    La doppia trasformazione di Fayzer V-1

54    Un super-pugno a razzo

55    Sulle nevi del Fuji

56    Il furto della superlega-Z!

 

Titoli episodi doppiati nel 2015.

57    l dottor Inferno occupa il Giappone / L'operazione Giappone del Dottor Inferno

58    La fortezza dell'Inferno

59    Dichiarazione di guerra della fortezza dell'Inferno

60    La nuova arma di Mazinga Z

61    Il robot mortale e la canzone di Rain X1

62    Incidente? Il volo del Boss Robot

63    Il centro di ricerca è in pericolo

64    Donna 007 Misato contro i nemici

65    I palloni-bomba portati dal vento

66    L'assassino invisibile Jenova M9

67    Non piangere Koji

68    Gran Duca Gorgon, guardiano dell'Inferno

69    Addio Pilder!

70    Il nuovo mostro del dottor Inferno

71    Un nuovo pilder per Mazinga Z

72    Le potentissime armi di Mazinga Z

73    Il furto di Mazinga Z

74    La fine di Afrodite A

75    Lotta fino alla morte! Il mostro meccanico del duca Gorgon

76    Il nuovo robot Diana A

77    Il Conte Blocken

78    La fine del Barone Ashura

79    Mazinger, un secondo prima dell'esplosione

80    La trappola di Partos

81    Che tu sia maledetto, Koji!

82    Mazinga Z nelle mani del nemico

83    Attenzione! Il nuovo assistente!

84    Una tomba in fondo al mare per Mazinga Z

85    Pericolo! L'ombra nera del terrore!

86    L'odissea del Dr. Watson

87    Esplosione! Il terrore del Marchese Pigman!

88    Vivi o morti? La battaglia dell'isola dell'Inferno

89    Non c'è più tempo da perdere! Mostro a 4000 metri di profondità!

90    La collera di Shiro! Uno sparo alla mamma!

91    L'ultima occasione! Battaglia decisiva contro il dottor Inferno!

92    Battaglia finale!! Coraggio, Mazinga Z!

 

 


I commenti in questa pagina vengono controllati, l'utente è invitato a utilizzare un linguaggio rispettoso. Vietato lo spam.

Commenti: 0

Tutti i personaggi e le immagini di questa serie animata sono copyright degli aventi diritto. Vengono utilizzati all’interno del sito esclusivamente a scopi conoscitivi e divulgativi.